Norme attuative in materia dl certificazione dell’indennità di preparazione e promozione

Erronea corresponsione di indennità di preparazione e promozione.

L’eventuale versamento di indennità di preparazione e promozione non dovuta in base alle norme federali non determina in alcun caso il diritto della Società che l’ha corrisposta a percepire, a sua volta, l’indennità di preparazione e promozione all’atto della stipula di un successivo contratto da parte del calciatore.

Eventuale indicazione al netto del compenso annuo.

Fermo restando l’obbligo per Società e tesserati di indicare “al lordo” gli emolumenti pattuiti, qualora si rendesse necessario riconvertire “al lordo” compensi, per qualsivoglia ragione, indicati “al netto”, saranno seguiti i seguenti criteri:

B1) Contratto annuale: l’ammontare contrattuale convenuto al netto verrà ripartito imputandone la metà al primo semestre stagionale (1.7 – 31.12) e l’altra metà al secondo semestre stagionale (1.1 – 30.6). I valori netti così suddivisi saranno riconvertiti al lordo esclusivamente sulla base delle tabelle IRPEF vigenti nei periodi.

B2) Contratto pluriennale: si applicheranno i criteri di cui al precedente punto B1), separatamente per ogni singolo semestre. Conseguentemente per la riconversione al lordo dei compensi annui indicati al netto sarà ininfluente che i contratti stessi siano annuali o pluriennali, in quanto per questi ultimi non si terrà conto del cumulo annuo degli imponibili delle diverse stagioni.

Compensi annui lordi quantificati in moneta diversa dalla lira italiana.

Per i contratti nei quali gli emolumenti non siano indicati in lire italiane ai fini del parametro si assumerà il valore di cambio – pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale per l’accertamento agli effetti del titolo I del T.U. delle imposte sui redditi (D.P.R. 22.12.1986 n. 917) – riferito al mese nel quale si è effettuato il deposito del contratto stesso.

  1. Compenso annuo lordo comprensivo della quota sponsor.

Ai fini dell’individuazione del parametro il compenso annuo lordo, se comprensivo della quota sponsor, dev’essere ridotto del 3%, indipendentemente dall’effettiva incidenza della quota stessa.

  1. Arrotondamento indennità.

L’indennità di preparazione e promozione risultante dai criteri di calcolo stabiliti dall’art. 98 e dalle presenti norme attuative è arrotondata al milione di lire superiore se le ultime sei cifre superano le lire cinquecentomila e a quello inferiore nel caso contrario.

  1. Indennità minima.

L’indennità minima dovuta, anche se concordata, non può comunque essere inferiore a lire un milione.

  1. Massimale E.F.A.

Per il calcolo dell’indennità massima da rapportarsi al tetto U.E.F.A. si deve assumere il valore di scambio – pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale per l’accertamento agli effetti del titolo I del T U. delle imposte sui redditi (D.P.R. 22.12.1986 n. 917) – riferito al mese nel quale è effettuato il deposito del nuovo contratto.

  1. Certificazione della indennità di preparazione e

La certificazione dell’ammontare dell’indennità di preparazione e promozione da corrispondere nei rapporti tra società è effettuata dall’Ufficio del Lavoro della F.I.G.C..

  1. Indennità di preparazione e promozione concordata tra le parti
  2. Le Leghe, divenuti esecutivi i contratti che possono far sorgere diritto alla indennità di preparazione e promozione, inviano all’Ufficio del Lavoro della I.G.C. copia del modulo di variazione del tesseramento e dell’accordo sottoscritto dalle società interessate relativo alla indennità concordata, nonché, a richiesta dell’Ufficio del Lavoro, ogni altro documento ed informazione utile al fine.
  3. L’Ufficio del Lavoro della I.G.C. verifica la debenza e l’importo dell’indennità di preparazione e promozione e, se non dovuto o minore dell’importo concordato, emette la relativa certificazione e ne dà comunicazione alle società interessate, alla o alle Leghe di competenza ed al calciatore a mezzo lettere raccomandate A.R..
  4. Certificazione indennità di preparazione e promozione non concordata fra le parti
  5. Ove l’indennità di preparazione e promozione non sia concordata tra le parti, la società interessata deve inoltrare richiesta di certificazione, con lettera raccomandata inviata all’Ufficio del Lavoro della F.I.G.C., alla Lega di appartenenza e, per conoscenza, all’altra società interessata ed alla relativa Lega se diversa dalla Alla richiesta inviata all’Ufficio del Lavoro deve essere allegata fotocopia del modulo di variazione di tesseramento, nonché ogni altro documento ritenuto utile alla certificazione dell’indennità di preparazione e promozione.
  6. La Lega di competenza, ricevuta la richiesta di certificazione da parte della società interessata e verificata la validità della variazione di tesseramento, comunica all’Ufficio del Lavoro l’avvenuto tesseramento e la relativa data, nonché, su richiesta dell’Ufficio, qualsiasi altra informazione ritenuta utile ai fini della
  7. L’Ufficio del Lavoro provvede a determinare l’ammontare dell’indennità di preparazione e promozione spettante, se dovuta, e ne dà notizia, a mezzo lettera raccomandata A.R., alle società interessate, alla o alle Leghe di competenza ed alla Certificazione del parametro.
  8. Il calciatore può richiedere all’Ufficio del Lavoro della F.I.G.C., a mezzo lettera raccomandata R., la certificazione circa l’esistenza o meno del diritto all’indennità di preparazione e promozione della società con la quale lo stesso è tesserato o dell’ultima società professionistica con la quale egli era in precedenza tesserato. La certificazione è comunicata dall’Ufficio del Lavoro al calciatore, alla società interessata ed alla Lega di appartenenza a mezzo lettera raccomandata A.R..
    Il calciatore, il cui contratto scada al termine della stagione o sia già scaduto senza che ne sia stato stipulato un altro, può richiedere all’Ufficio del Lavoro della F.I.G.C., a mezzo lettera raccomandata A.R., la certificazione del parametro base. L’ufficio del Lavoro, acquisiti gli elementi necessari dalla Lega di appartenenza della società interessata, certifica il parametro dandone comunicazione a mezzo raccomandata A.R., al calciatore, alla società interessata e alla Lega di appartenenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notificami i prossimi commenti via email. Poi anche ricevere aggiornamenti senza commentare, iscrivendoti qui.